Loading Icon Black
ANTI-G
ANTI-G
Intended primarily for use by competition pilots and pilots of high aspect ratio wings.

Info prodotto

Vi è mai capitato di vedere nero o perdere la lucidità eseguendo una spirale? Oppure avete mai avuto il coraggio di eseguire e tenere a lungo una spirale affondata? Bene, indipendentemente da quale genere di vela volate, o quanto abbiate mai eseguito a fondo una spirale, il dispositivo Anti-G cambierà la vostra vita – in meglio. L’Anti-G è un dispositivo di sicurezza che vi consente discese in spirale in maggior sicurezza riducendo i G della forza centrifuga durante la spirale. E’ semplice e facile da usare, ed è particolarmente efficace per le vele ad elevato allungamento.

  • Progettato pricipalmente per i piloti da competizione o per chi vola con vele ad elevato allungamento.
  • L’Anti-G è facile da usare, ma deve essere impiegato in modo appropriato. Prima di usarlo in volo dovete leggere e comprendere le istruzioni contenute nel manuale.
  • L’Anti-G è impacchettato dentro un sacchetto più piccolo di un cockpit. Può essere usato con qualunque imbrago.

L’Anti-G è fissato ai moschettoni principali del vostro imbrago, sul lato dove generalmente preferite eseguire la spirale. Dovrete semplicemente rilasciare il paracadute e poi iniziare normalmente la manovra. In questo modo potrete innescare una spirale affondata in meno giri e con un più alto tasso di caduta ma sopportando molti meno G di accelerazione. Per la maggior parte dei piloti si tratta di una consistente riduzione del 40% dei G impiegando l’Anti-G. L’uso dell’Anti-G vi consentirà di ottenere un maggiore tasso di caduta in spirale con un superiore grado di lucidità e coscienza della manovra grazie alla ridotta forza G. Inoltre, la diminuzione dei G comporta un minore stress meccanico per la vela ed i cordini. Con l’anti-G rilasciato in volo livellato alla velocità di trim* non percepirete un significativo disturbo o uno sforzo sull’imbardata del vostro imgrago.

Potrete scendere in spirale e poi atterrare normalmente con il paracadute Anti-G rilasciato. Il sistema Anti-G è dotato di una linea di neutralizzazione per disattivarlo agevolmente durante il volo. Raccomandiamo questo attrezzo a tutti i piloti che volano con vele da competizione di qualunque genere, perchè a causa dell’elevata efficienza di alcune vele, (ad esempio: il Mantra ed il Mantra R), è difficile scendere con efficacia in spirale senza subire molti G di accelerazione. L’Anti-G consente di scendere a tassi di caduta molto forti con qualunque marchio di vela voi voliate. Se state per ordinare un R11, allora è il momento buono per ordinare anche l’Anti-G.

*Il dispositivo Anti-G non deve essere impiegato come attrezzo per atterrare su distanze più brevi del normale. E’ inteso solo come attrezzo da usare per diminuire la forza centrifuga durante l’esecuzione della spirale.

ANTI-G DOMANDE PIÙ COMUNI

Perchè l’Anti-G è attaccato in modo asimmetrico? (su un solo lato)?

L’Anti-G è attaccato su un solo lato per poter essere impiegato con qualunque genere di imbrago. Inoltre è progettato per essere impiegato in spirale che per prima cosa è una manovra asimmetrica. Durante la spirale l’Anti-G è attaccato all’elevatore interno.

Una volta lanciato l’anti-G, la mia vela è più a rischio di stallo, chiusura o negativo?

Siccome l’Anti-G è attaccato al moschettone, si trova molto vicino al centro di gravità del sistema (vela+pilota). Per questo non ha alcuna influenza sulla stabilità sul beccheggio della vostra vela. A riprova di questo, se l’Anti-G fosse stato collegato più in alto, ad esempio a metà delle vostre linee, avrebbe esercitato una sforzo frenante (rivolto all’indietro) sulla vela, dandogli una tendenza allo stallo.

Potremmo dire che la vela non “sente” il vostro Anti-G, è solo l’efficienza che ne soffre; l’Anti-G non cambia il vostro equilibrio sul beccheggio. La stessa logica si applica mentre siete in spirale, l’Anti-G non induce alcuna tendenza al negativo.

Però, alla velocità di trim, l’Anti-G induce una leggera asimmetria sull’imbardata ed un’asimmetria ancora più marcata nel volo accelerato.

Con l’Anti-G la mia vela mantiene lo stesso comportamento in spirale?

Sì, tutti i nostri test hanno dimostrato che il comportamento della vela in spirale (stabile o instabile) non cambia con l’aggiunta dell’Anti-G.

Cosa fa l’Anti-G in volo livellato?

L’Anti-G non serve in volo livellato. Con solo 1,2 mq di superficie, è troppo piccolo per creare un’efficace resistenza alla velocità di trim. Per esempio, non vi sarebbe di alcuna utilità per abbreviare le distanze d’atterraggio come nel caso di centrare atterraggi piccoli. Per questo scopo l’Anti-G sarebbe meno efficace di un appropriato uso dei vostri freni.

Durante una spirale, l’efficacia dell’Anti-G è moltiplicata per un fattore di 10 per via dell’incremento della velocità all’aria e del fatto che la resistenza è proporzionale al quadrato della velocità. Non raccomandiamo di impiegare l’Anti-G come attrezzo per impostare un atterraggio, oltre alla sua inefficacia, potrebbe anche disturbare le vostre procedure standard d’impostazione dell’atterraggio.

L’Anti-G può essere retratto e poi impiegato nuovamente in volo?

E’ possibile impiegare l’Anti-G numerose volte durante il medesimo volo ma per OZONE non è consigliabile. Se il pilota ritira l’Anti-G in volo, c’è il pericolo di un improvviso ri-gonfiaggio causato dal vento relativo. Se l’Anti-G si rigonfia vicino al pilota, può succedere che il paracadute vada ad ostruire la visibilità del pilota oppure riduca la sua capacità di controllare la vela. Raccomandiamo ai piloti di usare l’Anti-G solo per una discesa, e poi di disattivarlo con la linea di neutralizzazione prima dell’atterraggio. Ogni pilota per ogni situazione deve saper prendere le proprie decisioni su cosa sia più sicuro ed efficace. Siete voi i responsabili.

L’Anti-G può essere di beneficio per la durata della mia attrezzatura?

Sì, perché riduce enormemente la quantità di G. Il numero di G è direttamente proporzionale allo stress applicato alla struttura della vostra vela. La vostra vela verrà sottoposta a dei carichi minori se spiralate con l’Anti-G.

A cosa serve la tasca interna del suo contenitore?

Serve per trattenere il sacchetto rosso all’interno del contenitore per evitare che si gonfi con il vento relativo durante il volo, andando a disturbare il pilota.

Il contenitore è troppo piccolo!

Il vostro Anti-G trascorrerà più tempo ripiegato nel vostro imbrago di quanto ne passerà rigonfio dietro a voi, e per questa ragione deve occupare il minor spazio possibile nel vostro imbrago. Il contenitore è disegnato per accogliere l’Anti-G propriamente ripiegato. Leggete il manuale, e dopo uno o due ripiegamenti di prova capirete che è molto facile far stare l’Anti-G nel suo contenitore.

Da che parte va attaccato?

  • Sul lato interno della spirale (se spiralate a sinistra, attaccatelo al lato sinistro o viceversa).
  • Il lato opposto a quello del vostro paracadute di soccorso, (nell’improbabile caso che dobbiate lanciare l’emergenza mentre state usando l’Anti-G)

Il mio imbrago ha un punto d’attacco per il parafreno sulla spalla. Devo usare quello per l’Anti-G?

No. Vi raccomandiamo di attaccare l’Anti-G solo al moschettone dell’elevatore come mostrato nel manuale.

Ho cercato di richiamare l’Anti-G e lui si è rigonfiato mentre stavo cercando di recuperarlo!

Prima di tutto vi raccomandiamo di non farlo. Se vi trovaste in una situazione dove sia fondamentale recuperare l’Anti-G e riporlo nel sacchetto per poi riutilizzarlo, allora afferrate saldamente la fune di vincolo e ripiegatela un po’ tra le dita per impedire che le linea di neutralizzazione della calotta scorra all’interno della fettuccia.

ATTENZIONE:

sebbene sia possibile riutilizzare l’Anti-G numerose volte durante lo stesso volo, OZONE lo sconsiglia. Se il pilota ritrae l’Anti-G in volo, c’è il pericolo di un improvviso rigonfiaggio nel vento relativo. Se l’Anti-G si rigonfiasse vicino al pilota, potrebbe ostruire la visibilità o ridurre la capacità del pilota di controllare la vela. Raccomandiamo ai piloti di usare l’Anti-G per una sola discesa e poi di disabilitarlo per mezzo della linea di neutralizzazione prima dell’atterraggio.