Loading Icon Black

L’Ozone Team vince il campionato di Slalom

Le più grandi congratulazioni vanno all’Ozone Team per aver conquistato il podio dello Slalom Open Championships Spagnolo che si è volto a Bornos. Si è trattato di una delle maggiori competizioni di slalom della stagione con 49 piloti in gara provenienti da 9 nazioni con 7 task valide.

Alex Mateos ha vinto volando con il Freeride 14 seguito da Nicolas Auberts, secondo assoluto anche lui col Freeride 14.  Alex commenta: “E’ andato tutto per il verso giusto, l’allenamento di quest’anno ha pagato. Avrei preferito volare più task ma i risultati sono lì, perciò sono proprio contento!” La più grossa sorpresa viene dal nuovo Ozone Team pilot Bartek Nowicki che si è piazzato terzo. Dopo aver volato Dudek per anni, il pilota polacco Bartek per questa stagione ha deciso di cambiare per l’Ozone Freeride. E’ una vela completamente differente da volare che richiede differenti tecniche di pilotaggio e stile, e nonostante un ridotto allenamento, è riuscito a vincere il Polish Slalom Championships all’inizio di quest’anno. Grazie Bartek. 

Marie Mateos – l’unica ragazza in mezzo a piloti d’alto livello ha mostrato ancora una volta tutta la sua classe, lasciandosi alle spalle molti piloti che possono solo sognarsi di arrivare al suo livello! Marie commenta: “E’ la prima volta che mi avvicino così tanto al podio in una gara di slalom. Sono molto lieta di questo risultato, specie dopo 7 task valide nelle quali sono arrivata terza per quattro volte. Però, sono del parere che con un po’ più di allenamento la prossima volta potrei raggiungere il podio”. Vai Marie provaci!  

photo by Piotr Geło; Adam Pupek

Coupe Icare 2019

Ancora una volta la Coupe Icare si è svolta con tutte le follie e le emozioni che ci si potrebbero aspettare dal più grande festival di parapendio del mondo.

Come ogni anno, lo stand Alixa/Ozone pubblicizzava in maniera non convenzionale il marchio Ozone. Il nostro amico Mathieu de Quillacq riesce sempre ad organizzare qualcosa di originale e non commerciale. Quest’anno Ozone Power ha mostrato un nuovo prodotto: il Kona 2, basato sul Buzz Z6 come vela universale da paramotore e volo libero.

Gli Ozone Team pilots, Alex Mateos e Nicolas Aubert hanno partecipato alla Parabatix Sky Race (slalom / precisione), che si è disputata sul plateau di St Hilaire e presso l’atterraggio di Lumbin durante le tre giornate dell’evento. Entrambi volavano con il Freeride 14 e sono finiti sul podio vincendo la gara finale. Congratulazioni a tutti i piloti e grazie a voi per il grande show!

Inoltre, il sabato pomeriggio il pubblico ha gustato lo show di paramotore organizzato da Alex e Marie mentre Raffaele Benetti presentava il suo nuovo progetto: un motore elettrico per paramotore.

Grazie a tutti voi che avete trovato il tempo per venirci a trovare presso il nostro stand. E’ stato un piacere incontrare vecchi amici e conoscerne di nuovi.

Coupe Icare 2018

Per la diciannovesima volta di fila, l’Ozone Team ha partecipato alla Coupe Icare di St Hilaire incontrando gli amici presso lo stand di Alixa. Ancora una volta Mathieu De Quillacq ha sorpreso tutti con le sue idee originali in quello che è stato il meno commerciale degli spazi.

Gli OZONE Team pilots, Alex Mateos e Nicolas Aubert hanno partecipato alla Parabatix Sky Race (gara di slalom/precisione), che si è svolta sul pianoro di  St Hilaire e presso l’atterraggio di Lumbin durante le tre giornate dell’evento. Hanno partecipato dieci top pilots di tutta la scena internazionale. Nicolas ha volato con il suo nuovo Viper 4 14m piazzandosi al secondo posto. Congratulazioni a tutti i piloti e grazie per il grande show!

Anche il sabato pomeriggio la folla si è divertita con lo show di paramotore allestito da Alex, Nico, Marie e Raffaele Benetti.

Grazie a tutti voi per aver trovato il tempo di venirci a trovare preso il nostro stand. E’ stato molto bello rivedere vecchi amici ed incontrarne di nuovi.

ISLANDA IN PARAMOTORE

Islanda è nota per i suoi fantastici paesaggi e per il suo aspro clima atlantico. E’ una di quelle speciali destinazioni sognate da molti piloti di paramotore.

Nell’agosto di quest’estate, un gruppo di piloti, principalmente dagli USA, hanno trascorso due settimane in Islanda con un road trip che ha toccato molti luoghi. A quanto pare sono stati molto fortunati con le condizioni meteo, visto che tutte le loro foto e video sono semplicemente stupefacenti. Tra gli altri, tre piloti volavano con vele Ozone: Miroslav Svec (Viper 3), Matej Roder (Roadster 2) e Tucker Gott (Viper 4)

Tucker Gott riferisce:

“Posso sicuramente definire l’Islanda come il posto più bello dove io abbia mai volato in paramotore. Fin dal primo sguardo sui ghiacciai e le alte montagne, mi sono reso conto di quanto questi luoghi siano speciali. Abbiamo avuto la fortuna di trovare una meteo praticamente perfetta, con una luce dorata per tutta la settimana. Il volo che più mi è piaciuto è stato un cross verso il vulcano Maelifell. Sono state quasi due ore di volo iniziate tra montagne verdi e nere. Quando ci siamo avvicinati al vulcano, il paesaggio si è aperto in una pianura nera dalla quale svettava il verde brillante del cono vulcanico. Il mio secondo volo preferito è partito da Skogafoss per proseguire lungo una falesia con numerose cascate. Alla fine del volo, sono salito sulla montagna dalla quale sono sceso veleggiando con il mio 16m Viper 4 in aria perfettamente calma”

Nick Radford photo gallery dell’Islanda >> qui
Il viaggio in Islanda è stato organizzato da Miroslav Svec, proprietario di Scout Paramotor e si è svolto dal 13 al 24 agosto.

Tucker Gott volava con un Viper 4 16 fornito da Aviatior PPG
Video you tube di Tucker sull’Islanda >> qui
Foto di: Nick Radford

Mark Morgan con il Viper 4 vince la Icarus X Race, UK

Mark ci ha mandato questo resoconto:

Nel weekend del 22 luglio, lo Adventurist team ha organizzato in Inghilterra la prima Icarus X Race. L’evento si è svolto a Buckland Newton, nel Dorset, ed è stato riconosciuto come la più impegnativa competizione strutturata su due giornate di paramotore che si è mai svolta in UK. Questa è stata la terza X race della serie, dopo quelle svolte in USA e Australia.L’inizio della gara è stato ritardato a causa della fitta nebbia che gravava sulla zona e che si è diradata solo a mezzogiorno; io sono stato il secondo pilota a partire dal campo base della Icarus X race, circa 45 minuti dopo Jamie Goodridge. Il mio intento era di volare lentamente ed in maniera costante per i 225 km del percorso. Sebbene stessi volando con i trim regolati al minimo, dando velocità solo quando incontravo zone di forti discendenze, mentre le condizioni di termica andavano migliorando e volando con un vento frontale occidentale, sono riuscito a sorpassare Jamie con il suo Dudek Snake vicino alla prima boa.

Poco prima della boa potevo vedere una convergenza con la brezza di mare che si stava formando sulla costa sud nella zona di Exeter e da una telefonata sapevo che altri piloti stavano già atterrando per il rifornimento. Dalla prima alla seconda boa si è trattato realmente di un non-evento, volando con facilità attraverso alcune belle termiche. Ogni volta che incontravo una buona termica dovevo forzarmi a non girarla e centrare il core, perché la planata e l’agilità del Viper 4 rendono questa vela fantastica da volare in termica.

 

Fino a quel momento tutti gli altri piloti erano atterrati per rifornirsi, ma grazie alle incredibili prestazioni di planata del Viper 4 io stavo andando ancora forte. Una lunga e lenta salita fino a 7000 piedi mi ha portato ad una fascia di forte vento in coda ed alla vittoria della prima Icarus X Race UK.

Grazie del resoconto, Mark e congratulazioni per la vittoria!

La fondazione Cloudbase in Nepal

Dopo il devastante terremoto dello scorso anno in Nepal, Karma Flights e Cloudbase Foundation si sono attivati e sono riusciti a portare un importante contributo in aiuti sia materiali che in denaro. Ozone ha fatto una donazione di 10.000 dollari per aiutare l’impegno alla ricostruzione della fondazione. Ma loro stanno ancora lavorando sui luoghi del disastro e stanno proseguendo nel loro sforzo di apportare aiuti a chi ha bisogno d’assistenza e nel ricostituire le comunità che sono state devastate.

Per le prossime 5 settimane, GoPro Inc. si farà carico di raccogliere tutte le donazioni per la Cloudbase Foundation. Voi potete raddoppiare il vostro aiuto effettuando una donazione su quel link ed aiutarci a riportare a casa coloro che vivevano in quei luoghi dove a noi piace tanto volare. Guardate il primo video qui sotto per vedere quanto sono arrivati lontano con i loro aiuti e cosa è rimasto da fare.

Nel secondo breve video, degli artisti di strada portano un po’ di colori e pace alle popolazioni locali dopo il disastroso terremoto. L’apporto positivo dell’arte è tangibile ma incalcolabile, ed il lavoro di Jeremy Collins in Nepal è arrivato nel momento giusto.

Nuovamente,  GoPro Inc. si farà carico di raccogliere tutte le donazioni per la Cloudbase Foundation per le prossime cinque settimane – per favore fate il possibile per aiutare la loro missione, come abbiamo fatto noi di OZONE.

Grazie da tutto il Team.

YoutubeHD:550,309,dmdw5F0H1X0

Hernan Pitocco entra nell’Ozone Team

Siamo emozionati nell’annunciare una nuova partnership con Hernan Pitocco. Per molto tempo abbiamo ammirato i progetti ricchi di immaginazione che Hernan ha sviluppato in giro per il mondo, il suo senso dell’avventura ed il suo particolare punto di vista sul volo che hanno saputo creare alcune delle immagini più belle che abbiamo mai visto nel nostro sport. Hernan è stato campione di Coppa del Mondo, detentore di record di distanza XC e pioniere nel volo bivacco sull’Himalaya e le Ande, aspetti che fanno di lui un veterano in tutte le discipline. Siamo impazienti di supportare Hernan nelle sue future avventure e di condividere i risultati con voi.

Ciao da tutto il Team.

Seguite le avventure di Hernan:
facebook.com/hernan.pitocco
@hpitocco on instagram

Coupe Icare 2015

Quest’anno, alla 42ma Coupe Icare, Ozone Power ha mostrato i suoi prodotti più recenti: lo Spyder è una vela leggera full-reflex, per il volo in paramotore basata sull’apprezzato Roadster 2. Il Mojo PWR è basato sul Mojo 5 ed è un EN A di impiego generale per paramotore e parapendio. E’ stato annunciato anche il Roadster 2 22 una nuova taglia più piccola del rinomato Roadster 2.

L’Ozone Team pilot, Alex Mateos, ha partecipato alla Parabatix Sky Race (competizione di slalom e precisione), che si è svolta sull’altopiano di St Hilaire e sull’atterraggio di Lumbin durante le tre giornate dell’evento. In competizione c’erano 8 top pilots dello scenario internazionale, incluso il vincitore del campionato mondiale 2015 di slalom: Jeremy Penon. Alex ha volato con il suo Slalom 16 ed ha ripetuto le sue vittorie degli scorsi anni, vincendo la manche finale generale. Congratulazioni a tutti i piloti e grazie per il grande show. Anche sabato pomeriggio la folla ha potuto apprezzare lo show di paramotore di Alex e Raffaele Benetti.

Grazie a tutti quelli che ci sono venuti a trovare nel nostro stand. E’ stato bello incontrare vecchi amici e conoscerne di nuovi.

Dean Eldridge, 1965-2015

L’amico di Ozone e leggendario pilota di paramotore: Dean Eldridge, è deceduto dopo aver subito gravi ferite in un tragico incidente di paramotore il 7 Luglio. Dean era un veterano esperto ed un coscienzioso insegnante nel mondo del paramotore. L’impegno di  Dean per migliorare la sicurezza ed il livello di preparazione nell’ambiente del paramotore lascerà il suo segno per molti ancora degli anni a venire e la comunità del volo soffrirà della sua mancanza. Siamo profondamente addolorati della sua morte ed i nostri pensieri vanno alla sua famiglia.

L’incidente di Dean è avvenuto durante l’esecuzione delle manovre per uno slalom a 8. Sfortunatamente, non ci sono stati testimoni e non c’è modo per determinare con certezza le cause dell’incidente. I pericoli insiti nel volo a slalom dovrebbero indurre in ciascuno una pausa di riflessione, ma per il momento i nostri pensieri più profondi vanno alla morte di un leggendario pilota ed alla perdita che ha colpito la sua famiglia.

Il Campione Mondiale Honorin Hamard nell’Ozone R&D Team

Il Team di Ricerca e Sviluppo (R&D Team) cresce! Dav, Luc, Russ, e Fred, sono lieti di dare il benvenuto a Honorin Hamard nel R&D Team. “Hono” ha 23 anni, e vola dall’età di 13. La sua giovane età nasconde il suo carattere calmo e maturo, ma tutti noi di Ozone siamo rimasti molto colpiti dalla sua rapida progressione ed atteggiamento responsabile in volo. Un’atteggiamento che lo ha portato a vincere il Campionato Mondiale 2015, a stabilire nel 2013un record mondiale di 423 km su distanza dichiarata ed a collezionare una una presenza costante sul podio di numerose edizioni dei campionati nazionali.

Honorin lavorerà in stretto contato con gli altri ragazzi come  pilota collaudatore e sviluppatore, e porta con sé una grande esperienza e talento, ma non solo quello, con il suo ingresso va a ridurre drasticamente l’età media dell’Ozone Test Team, il futuro è radioso!

Ciao da tutto il Team.