Loading Icon Black

Alex vince la WPSC 2017 in Egitto

Dal 27 di ottobre al 6 di Novembre, 37 piloti di 14 nazioni si sono ritrovati in Egitto per partecipare al World Paramotor Slalom Challenge,  evento internazionale organizzato da Sky Sports e dall’Aeroclub Egiziano. Si è trattato della più importante competizione di slalom organizzata nel 2017. Tutte le task sono state disputate sullo specchio d’acqua del lago Byoum, vicino al Cairo.

Condizioni meteo eccellenti hanno permesso di disputare molte task di slalom e di spot landing.

L’Ozone Team pilot Alex Mateos ha vinto la competizione con un ampio margine sugli altri piloti, volando con un Viper 4 14m.

Alex Mateos riferisce:

“Sono soddisfatto delle prestazione dellla mia attrezzatura, che mi ha aiutato a vincere questa gara. Nella task finale abbiamo dovuto affrontare un ulteriore sfida: ci è stato richiesto di disegnare il nostro personale percorso di slalom che doveva includere 10 virate attorno a 6 piloni ed un 360 con stabilo a toccare il suolo, e dovevamo eseguire il tutto per due volte, come due task volate senza atterrare. E’ stato proprio difficile focalizzarsi e ricordare il percorso volato!”

Ciao da tutto l’Ozone Team

Foto di: Louis Garnier

TUCKER GOTT vince la Icarus Trophy 2017 in soli 4 giorni

Icarus Trophy è il nome della più combattuta Air Race dove i piloti di paramotore devono volare su lunghe distanze senza supporto. La gara è una vera sfida, che ben pochi tra noi si sentono di affrontare.

Durante la Icarus Trophy 2017, a partire dal 24 di settembre, molti piloti sono decollati da Polson (Montana) per volare sulla distanza di 1100 miglia nautiche (circa 2000 km) ed atterrare a Mesquite (Nevada).

Il giovane pilota americano  – Tucker Gott – ha vinto la gara superando di gran lunga tutti gli altri competitori. Tucker ha completato la sua rotta di 1200 miglia in soli 4 giorni, volando con l’Ozone Freeride 19. Tucker ha filmato tutti i voli e creato una serie di brevi video per condividere la sua straordinaria esperienza con un pubblico più ampio.

Tucker Gott riferisces: “La Icarus Trophy race è un’avventura alla quale ho voluto partecipare fin dall’inizio. Quest’anno la gara è partita da  Polson nel Montana e terminata a Mesquite, in Nevada. Era stato stabilito un punto di controllo obbligatorio nella Monument Valley che ha allungato la gara fino a circa 1200 miglia nautiche. Il mio obiettivo era chiudere la competizione nel modo più sicuro ed al meglio delle mie capacità. Al termine della mia gara, devo dire di essere rimasto senza fiato per la varietà di paesaggi meravigliosi che ho sorvolato e per le esperienze uniche che ho vissuto. Il Freeride 19m mi ha dato tutta l’efficienza che mi serviva per competere su tratte di oltre 100 miglia e la facilità di decollo per tirarmi fuori dagli atterraggi più piccoli nei quali ero andato a cacciarmi. In generale la Icarus Trophy è stata un’esperienza che cambia la vita e mi ha aperto gli occhi sul volo di distanza senza supporto.”

Andate sul  Canale You Tube di Tucker Gott per vedere i video della Icarus Trophy 2017 >> link
Tucker Gott volava con un Ozone Freeride 19 fornito da Aviator PPG

Tutte le foto al suolo sono di Sophie Bolesworth

Alex Mateos è Campione Europeo

Oltre 100 piloti da 11 paesi hanno partecipato al settimo Campionato Europeo FAI di paramotore che si è svolto dal 16 al 26 agosto in Breclav, Czech Republic.

Nonostante il cattivo tempo delle prime giornate di gara, l’organizzazione è riuscita a far disputare 8 task per le specialità speed e curve navigation, navigation con tempo dichiarato, economy, precision take off and landings.

L’Ozone Team pilot Alex Mateos si è classificato al primo posto conquistando nuovamente il titolo di Campione Europeo, in totale ha vinto 7 task.

Alex Mateos riferisce:

“La competizione si è avviata con lentezza a causa del cattivo tempo, ed io sapevo che nelle giornate rimaste avremmo potuto disputare poche task. Così ho dovuto concentrarmi sul fare il minor numero di errori. Sono lieto di constatare che i lunghi anni d’allenamento stanno ancora dando i loro frutti! Ho impiegato il medesimo Ozone Viper 4 18m con motore  Macfly Polini del Campionato Mondiale dello scorso anno perciò conoscevo perfettamente i miei attrezzi”

Congratulazioni da tutto l’Ozone Team.

Foto: Jose Ortega

Risultati: http://wiki.fai.org/display/cima/2017+EPC

Argento ai World Games 2017

Il World Games 2017, che si è svolto dal 20 al 23 luglio a WrocławPolonia, ufficialmente denominato il Decimo World Games è una delle principali manifestazioni internazionali multi-sport, pensato  per sport o discipline o eventi in ambito sportivo che non concorrono nei Giochi Olimpici. Per la prima volta il paramotore è stato incluso nei World Games come sport ufficiale

16 piloti di 6 paesi differenti hanno gareggiato in 9 task di precisione, suddivise in tre giornate, incluso lo slalom attorno a piloni, atterraggio i precisione, swoop su acqua ed il classico football in paramotore veloce e lento.

Il pilota Ozone thailandese Kittiphop Phrommat (Eed) è arrivato secondo volando con il suo Viper 4 14 conquistando il titolo di vice campione dei World Games.

I piloti descrivono questo evento come nuovo, divertente ed emozionante, ma i piloti francesi si sono rifiutati di gareggiare nelle classiche task veloci-lente perché le consideravano pericolose, decisione che ha posto Alex Mateos in quarta posizione di classifica finale.

Congratulazioni a tutti i piloti!

Alex Mateos conquista il titolo di Campione Francese

Dal 3 al 7 di luglio 2017, presso l’aeroclub di Blois si è tenuto il Campionato Francese. Hanno partecipato 36 piloti in gara per la classe in singolo con decollo a piedi più molti altri per il trike mono e biposto e 5 equipaggi tandem. Le condizioni meteo sono state molto variabili per tutta la settimana, ma abbastanza buone per poter completare 15 tasks. L’Ozone Team Pilot, Alex Mateos si è piazzato al primo posto con il suo Viper 4 18m, impressionando tutti con il suo volo di 6 ore durante la gara di economy che è durato fino all’ora del briefing serale.

Alex Mateos riferisce: “Quest’anno ho vinto il titolo francese per la sesta volta! Per me questa gara non è stata molto stressante, perché fin dall’inizio mi sono piazzato in testa alla classifica con un forte vantaggio di punteggio rispetto al secondo pilota. Io ho vinto 10 task su un totale di 15”

Congratulazioni da tutto il Team Ozone!

I piloti Thailandesi vincono le medaglie d’oro, d’argento e di bronzo

La quarantacinquesima edizione dei Thailand National Games si è tenuta a Songkhla, dal 24 al 28 giugno. Le medaglie d’oro, d’argento e di bronzo sono andate a piloti OZONE nella classe individuale individual PF1:

Kittiphop PHROMMAT (Ead) Viper 4 14 – secondo assoluto

Precisione – primo, Navigation – secondo, Eco = terzo

Pongkorn THANASAKUNKORNSAENG (Zeegame) che volava con l’Ozone Freeride 15 – terzo assoluto

Precisione – terzo, Eco – secondo

Hanno partecipato in totale 33 piloti thailandesi suddivisi in tre classi: PF1, PF1f e PL1, incluse 7 ragazze; 17 uomini in PF1 e 9 piloti in single trike. Condizioni meteo variabili incluso vento forte e pioggia, ma gli organizzatori sono riusciti a completare 9 task:  5 precisione, 2 economy e 2 navigation.

La più grosse congratulazioni al nuovo pilota dell’Ozone Thai Team Pongkorn THANASAKUNKORNSAENG (Zeegame) per il suo eccellente risultato, considerando che aveva ricevuto il suo nuovo freeride 15 poco prima dell’inizio della competizione.

Ciao da tutto il team OZONE.

Pasquale Vince il Campionato Italiano per la terza volta

Il Campionato Italiano si è tenuto sul campo volo di Benevento dal 17 al 21 di maggio 2017. Il Team Pilot Italiano di Ozone: Pasquale Biondo, si è piazzato al primo posto volando con il suo nuovo Viper 4 18m seguito da Sandro Passeri – secondo su Viper 4 18m.

Pasquale riferisce: “Le condizioni meteo sono state instabili con venti forti e pefino pioggia, ma l’organizzazione è riuscita a far disputare numerose task sulle specialità precision take off, spot landing, economy e diverse task di navigazione”

Un altro pilota italiano: Aurelio Tonchei, che in questa competizione volava con un Viper 4 20m, riferisce: “Ho volato con lo Ozone Viper 4 20m e durante la gara mi sono trovato perfettamente in sintonia con la vela. E’ estremamanete agevole da gonfiare, un aspetto che indubbiamente ha aiutato nei decolli e negli atterraggi di tutte le task della competizione. Parte della gara si è svolta in condizioni meteo difficili ed in quella situazione il Viper 4 si è comportato benissimo ed io mi sentivo molto sicuro. L’impiego dello speed system è confortevole e leggero, e quando ne avete bisogno consente un sensibile aumento della velocità”

Congratulazioni da tutto il Team Ozone.

Il terzo campionati di paramotore dell’Oceania

Il terzo campionato di paramotore dell’Oceania si è svolto a Pasak Jolasid Dam, Saraburi, in Thailandia dal 28 aprile al 7 maggio 2017.

Il pilota thailandese Kittiphop Phrommat (Eed) volando con un Viper 4 14 si è aggiudicato l’oro sia nella classifica a squadre che individuale.

Nonostante il tempo molto variabile ed i venti forti, gli organizzatori sono riusciti a condurre un eccellente competizione con 13 task su numerose giornate per le specialità navigazione, economia e precisione:

Precisione: Bowling Landing, Precision Take off, Precision Wing Control, Short Take off over the fence, The Eight (Canceled), Precision Wing Control – Ground Handling, Clover Leave Slalom, Paraball, Japaneese Slalom
Navigazione: Navigazione Pura
Economy: Speed Triangle Out and Return, Economy and Distance

Hanno partecipato 21 piloti da 5 paesi per la classe PF1.

Congratulazioni da tutto il Team!

I gemelli Turner in paramotore fino a Red Pole, il punto più inaccessibile dell’Australia

In Agosto, i due esploratori e gemelli identici: Hugo e Ross Turner, meglio conosciuti come Turner Twins, sono diventati le prime persone ad aver raggiunto il polo dell’inaccessibilità australiano con il paramotore.

Sono partiti dalla costa meridionale dell’Australia in prossimità di Adelaide ed hanno viaggiato per oltre 1600 km sorvolando gli impressionanti e remoti deserti e le montagne dell’Outback, arrivando infine a 300 km nord-ovest di Alice Springs, in una zona dell’Australia conosciuta come il Red Centre.

Quest’ultima sfida dei Turner Twins, denominata The Red Pole, non è stata priva di tentativi e guai.

Il viaggio, che costituiva la loro prima spedizione di volo con il paramotore, implicava molti pericoli e rischi lungo il percorso, come il freddo o il caldo estremo, aria o meteo turbolenta, serpenti e ragni velenosi e la possibilità di avere un incidente nel remoto Outback con poche o nulle possibilità di ottenere un soccorso immediato.

Assieme a loro, in questo epica spedizione, c’era il loro amico pilota Kester Haynes che ha provveduto a viveri, materiali, carburante ed al supporto tecnico lungo il percorso. Mentre viaggiavano attraverso l’Outback, i gemelli hanno eseguito dei filmati in volo, catturando immagini uniche e stupefacenti. Il film è disponibile su Redbull.com

http://www.redbull.com/uk/en/adventure/stories/1331829634469/watch-the-expedition-to-the-red-pole

“Abbiamo usato vele Roadster 2- una perfetta miscela tra la facilità di decollo e l’agilità in aria. Non reagisce per nulla all’effetto coppia dei motori, il che significa che non abbiamo bisogno di regolare i trim in maniera differente. Le prestazioni si sono dimostrate più elevate ed oltre le nostre aspettative ed alla fine del viaggio entrambi noi avevamo acquisito una grande fiducia nelle vele.

La vela perfetta per il deserto ed il volo di cross, grazie alla sua stabilità in turbolenza e termica. Non abbiamo subito nessun collasso durante il viaggio ed ora stiamo lavorando ad un altro viaggio.”

I gemelli Turner useranno la spedizione per aiutare l’opera di carità Wings For Life – Che finanzia importanti ricerche sulla cura delle lesioni spinali, che è una causa che sta a cuore ai due gemelli, dopo che Hugo ha sofferto di una frattura al collo quando aveva 17 anni, evitando di poco una paralisi.

 

Alex Mateos Vince il Campionato Mondiale con il Viper 4

Il Campionato Mondiale di Paramotore si è concluso con Alex Mateos che si è aggiudicato la vittoria assoluta. L’evento si è tenuto presso il Popham Airfield in UK.

Nonostante la meteo variabile, gli organizzatori sono riusciti a svolgere un’eccellente competizione con nove task di economy e precisione su sette giornate. Hanno partecipato 46 piloti per la classe PF1 mentre il numero totale di partecipanti è stato di 96 piloti da 11 paesi.

Alex Mateos ha pilotato il suo Viper 4 18m conquistando questo che è il suo secondo titolo di campione mondiale. L’italiano Pasquale Biondo è arrivato terzo volando con il suo Viper 3 20m.

Alex ha dichiarato: “L’inizio della competizione non è andato molto bene per me, perché ho sbagliato un atterraggio di precisione perdendo alcuni punti. Questo mi ha messo molto sotto pressione. Ma ben presto ho ripreso e mantenuto il primo posto. Sono molto contento del mio nuovo Viper 4, che impiego per le competizioni classiche e di slalom. Il fatto di avere l’attrezzo giusto mi ha aiutato in questo successo. Quella del 2016 per me è stata la miglior stagione di gare di sempre grazie al Viper 4:
–  Campione Mondiale con il Viper 4 18
–  Campione europeo di Slalom con il Viper 4 14m singolo e trike monoposto (stessa vela)
–  French Champion

Il Team Ozone invia ad Alex le più grandi congratulazioni per il suo secondo titolo mondiale e siamo molto lieti di poter supportare lui e tutti i piloti che hanno scelto Ozone.

Ciao da tutto il Team!