Loading Icon Black

PWC St Andre 2016, e lo Zeno.

September 13, 2016

La scorsa settimana il circo della PWC si è ritrovato in St Andre Les Alpes, dove si è tenuto il quarto evento del 2016 nelle giornate dal 3 al 10 settembre.

Dopo due giorni di maltempo, è stata disputata la prima task: una race to goal di 79.24km, che è stata seguita da un’altra di 115,2km vinta dall’Ozone Team pilot, Yassen Savov, che dopo aver aggirato la seconda boa si è messo alla testa del gruppo che ha poi guidato fino all’arrivo. Yassen, conosciuto come uno dei piloti più veloci del mondo, ha passato la linea d’arrivo con un vantaggio di almeno 5 minuti sul secondo pilota in goal: Luc Armant.

Il quinto giorno si è disputata una race to goal di 72.25 km che è stata fermata prima di mezzogiorno a causa delle condizioni pericolose in decollo. Il sesto giorno ha visto un emozionante gara di 102.37 km con 7 piloti nel gruppo di testa che sono arrivati nell’arco di 48 secondi. Nell’ultima data dell’evento è stata disputata una gara di 60 km che è stata fermata prima che il gruppo raggiungesse la terza boa a causa del sovrasviluppo in corso.

Con tre task valide, il vincitore assoluto è stato Maxime Pinot, seguito dall’Ozone Team pilot Felix Rodriguez, che ha appena vinto anche il titolo in sincro nell’Acro World Championships di Annecy. Felix continua a scrivere la storia del nostro sport non solo come uno dei migliori piloti di sempre ma anche come uno dei più efficaci in gara. Più invecchia più migliora! Maxime e Felix volavano con l’Enzo2.

Inoltre, cosa notevole: il nostro Luc Armant ha conquistato il terzo posto assoluto volando con la nuova vela di classe serial: lo ZENO.

Il podio femminile ha visto Kirsty Cameron salire sul gradino più alto, anche lei con lo Enzo 2. Seiko Fukuoka era in St. Andre a collaudare la taglia ancora non certificata dello Zeno MS, e sebbene non abbia ricevuto punteggio, ha volato come suo solito incredibilmente bene.

Questo è quello che Seiko ha riferito sullo ZENO:

“Ho volato con lo Zeno per la prima volta durante la prima task e sono arrivata in goal nei primi 15! Alla fine della giornata il mio fisico era meno stanco che se avessi volato con il mio Enzo 2. La vela è più stabile ed ho potuto volare per la maggior parte del tempo a tutto speed sebbene fossimo in condizioni forti, mentre le altre vele CCC non potevano spingere a fondo. Questo mi ha dato la possibilità di superare il resto delle vele in gara. Girare in termica è più semplice e più efficace con lo Zeno, anche quando sono arrivata in ritardo nella termica, sono stata in grado di raggiungere i piloti di testa nella termica. La leggera pressione dei freni dello Zeno è un grosso vantaggio per aiutarmi nel conservare energie durante i voli di lunga distanza, e la cosa che preferisco è che se lascio volare da sola la vela, lei automaticamente prende la linea giusta!!! 😉 Dopo le mie prove con lo Zeno, ho deciso di impiegare questa vela nei miei futuri tentativi di record del mondo!”

Seiko, siamo molto contenti che ti piaccia lo ZENO, e siamo certi che diverrà la vela favorita di molti piloti.

Congratulazioni a tutti i piloti e ciao da tutto il Team OZONE!

Per tutti i risultati click qui