Loading Icon Black

Mitch Riley vince il Monarca 2019.

I piloti Ozone hanno dominato il 15mo Monarca Paragliding Open in Valle de Bravo, Messico.

Il vincitore assoluto, Mitch Riley, riferisce:

“Valle De Bravo, in Messico, ha ospitato ancora una volta la quindicesima edizione del Monarca Paragliding Open. Durante la settimana abbiamo volato un’ampia varietà di task in tutte le condizioni. Ieri, l’ultimo giorno di gara, mi trovavo in prima posizione ma con soli 30 punti di vantaggio, cercando di mantenere calmi i miei nervi e di divertirmi il più possibile per far calare la pressione della gara. Ha funzionato alla perfezione durante i 92 km del giro dell’arena di volo di Valle da Bravo. La prima ora di gara è stata molto veloce, con il gruppo di testa impegnato in veloci ascendenze e transizioni a tutta manetta. Sulla strada verso Monarca la giornata si è fatta velata ed è diventata tutta una questione di sensibilità per gestire ogni debole ascendenza che fosse possibile trovare e gestire salite e planate. I piloti in cerca di gloria l’ultimo giorno si sono trovati in condizioni disperate dopo essere finiti al margine della convergenza. Io sono tornato indietro alla zona di convergenza afferrando ogni minimo guadagno di quota che potevo trovare e sono partito per una lunga planata finale verso la ESS (fine della speed session) ed è andata bene! Passando in modalità lenta alla fine della giornata mi ha condotto in goal in prima posizione, assicurando la mia vittoria sulla competizione. Congratulazioni a  Harald Wilhelmi (secondo con l’Enzo 3), Matthew Beechinor (terzo con lo Zeno), Bianca Heinrich (prima donna con lo Zeno), e Gunnar Saebu (primo per la Sport Class). Alas De Hombre e Nicki Moss hanno fatto un bellissimo lavoro gestendo la navigazione, la situazione politica in evoluzione e riuscendo a mantenere pieni i serbatoi delle navette di recupero durante la crisi dei rifornimenti”

Per tutti i risultati click qui.

Congratulazioni e ciao da tutto lo Ozone Team

LA CATENA SENZA FINE

Senza aiuti, incontaminato e intatto. Dopo aver attraversato la larghezza delle Montagne Rocciose canadesi durante i suoi 1000 km di volo-bivacco nel 2017, Benjamin Jordan  ha portato la sua passione di esplorare le montagne incontaminate della sua terra natale ad un livello ancora superiore.

L’estate scorsa, Benjamin ha avuto la temerarietà di diventare il primo a volare su una rotta di 1200 km mai percorsa da alcuno, lungo tutta la lunghezza delle Montagne Rocciose, dagli Stati Uniti fino alla Columbia Britannica settentrionale. Unisciti a noi questa settimana per un assaggio di questa incredibile avventura.

Seguite l’avventura sugli account Ozone Instagram e Facebook

Per ulteriori informazioni su questa fantastica avventura visitate l’Endless Chain website

UNA BUONA ANNATA PER MARCELLA

Dopo aver stabilito tre record mondiali di distanza nella sua terra natale: il Brasile, Marcella Uchoa h terminato il 2018 sul podio come campionessa brasiliana femminile di parapendio.

Il commento di Marcella:

“Questa è stata un’annata molto intenza per me. I miei obiettivi/sogni più importanti per la stagione 2018 erano di superare il record mondiale femminile di distanza e di diventare campionessa brasiliana femminile. Mi sono impegnata veramente molto w sono stata abbastanza fortunata per riuscire a realizzare entrambi gli obiettivi. Con anche un grosso extra, perché ho superato tre record mondiali femminili ed anche il mio titolo brasiliano femminile è stato il miglior risultato femminile nella storia del parapendio brasiliano! Ma non è stato facile arrivare a tutto questo. E’ stato il mio primo anno ai comandi di una vela di classe CCC ed ho dovuto prepararmi per essere pronta ad affrontare le forti condizioni aerologiche del nordest brasiliano. Perciò ho partecipato ad ogni competizione possibile ed  ho volato il massimo che potessi fare. Inoltre, ho frequentato un corso SIV cn il mio Enzo3, (con il supporto della  lega brasiliana) che mi ha aiutato a conoscere la vela ed a prendere fiducia nelle mie capacità. Inoltre, durante questa stagione ho gareggiato in tre competizioni di PWC (Baixo Guandu, Bulgaria e Turchia) e sebbene mi sentissi frustrata per non aver raggiunto i risultati che mi aspettavo, queste esperienze sono state fondamentali per farmi crescere come pilota competitore. La frustrazione è diventata un passaggio della mia crescita, ma ho imparato come superare questi momenti, a conoscere meglio la mia attrezzatura e come regolarla, ho appreso dai migliori piloti del mondo le strategie nei differenti generi di task, ed ho imparato a volare più veloce. Di conseguenza, ho imparato moltissimo durante questa stagione ed alla fine tutto questo mi ha aiutato a raggiungere i miei goal. Per questo, ho terminato la stagione 2018 con la sensazione di aver completato la mia missione e con la certezza di aver realizzato un sogno. Non vedo l’ora che cominci la prossima stagione per cercare ogni giorno di migliorarmi come pilota!”

Per i risultati dei campionati brasiliani 2018 cliccate qui

Congratulazioni Marcella, da tutto l’Ozone Team.

Ti auguriamo un anche miglior 2019.

Il Buzz Z6 è ora disponibile

Il nuovo Z6 compie molti passi in avanti nelle prestazioni per la categoria delle vele intermedie, mentre mantiene una sicurezza passiva che si colloca al più alto livello della serie Buzz. Uno Sharknose rimodellato sul bordo d’attacco, un piano funi ottimizzato che ottiene una riduzione del 20% sulla resistenza di forma delle linee, una nuova miscela di materiali che ne migliora la durevolezza e riduce il peso, tutto questo fa dello Z6 il Buzz più avanzato ad oggi.

Ulteriori informazioni le trovate nella pagina prodotto del BuzzZ6

Il BuzzZ6 è disponibile per le ordinazioni presso il vostro distributore OZONE locale

IL MAGNUM 3: Guarda il video

Il Magnum 3 è stato progettato per soddisfare le necessità dei piloti tandem professionisti. Questo design completamente nuovo include significativi miglioramenti in durata, comfort, e semplicità, con forti miglioramenti sugli aspetti del decollo, atterraggio ed agilità in volo. Una struttura interna speciale consente di risparmiare peso ed aumentarne la vita operativa, diminuendo così il costo della vela per i piloti professionisti.

Il Magnum 3 è un progetto completamente nuovo concepito “partendo da zero”. Visitate la  pagina prodotto del Magnum 3 per tutti i dettagli.

Xevi vince in Ecuador

L’Ozone team pilot, Xevi Bonet, ha conquistato il primo posto assoluto alla South American Cup, in Viennatone, Ecuador.

Il suo commento:

“Abbiamo disputato sette task su percorsi tra i 50 ed i 70 km, con le caratteristiche condizioni di Guayaquil: basi basse e buone termiche con condizioni non forti. L’organizzazione è stata eccellente, e stanno pianificando di ampliare il decollo in tempo per ospitare la prossima Next Pan-American nel 2020.”

In seconda e terza posizione sono arrivati i colombiani Cristian Agudelo (Enzo 3) e Jullian Carreño (Enzo 2).

Per la categoria femminile la vittoria assoluta è andata alla pilota argentina Shauin Kao, con il suo Zeno.
7 dei primi 10 piloti volavano OZONE.

Congratulazioni a tutti, da noi di Ozone.

Per tutti i risultati, click qui

SWIFT 5 NOW AVAILABLE

Based on the Rush 5 but 30% lighter, the Swift 5 is a top of class Lightweight Sport-Performance-Intermediate wing developed with the same technology used in our performance wings including the Enzo 3 and Zeno, in addition to several new innovative features.

Over fifteen years of lightweight R&D have allowed us to deliver a wing that is not only top of class in terms of performance, but also one of the lightest wings in its class. Thanks to a lighter sail, the Swift 5’s agility and handling is improved over the Rush 5, with a more precise feel. Another key difference is the ease of inflation and take-off behavior in general.

An extensive period of performance glide testing allowed us to evaluate the Rush 5 and Swift 5 against class-leading wings from other manufacturers. The results have proven significant gains, especially in accelerated glide performance.

More info on the Swift 5 Product Page .

The SWIFT 5 is ready to order from your local OZONE distributor.

MARCELLA UCHOA VOLA PER 411KM, STABILENDO TRE NUOVI RECORD MONDIALI

La pilota brasiliana Marcella Uchoa ha appena stabilito tre nuovi record di distanza con un solo volo: Distanza, distanza su meta dichiarata e distanza libera utilizzando fino a tre turnpoint

Marcela è decollata da Assu, nel Rio Grande do Norte, atterrando 10 ore dopo a Tamboril in Ceará, percorrendo 411 km su distanza rettilinea.

Nelle parole di Marcella:

“Le condizioni del mio volo record sono state molto difficili. Turbolenza e termica blu molto impegnativa.
Sono stata l’ultima ad essere trainata, per questo ho volato per i primi km da sola, poi sono riuscita a riunirmi con Frank Brown e Marcelo Prieto e in seguito ci siamo riuniti anche con Samuel Nascimento e Rafael Saladini.
Era molto molto turbolento, non era facile volare con l’Enzo S in quelle condizioni e per questo sono riuscita a mangiare qualcosa solo dopo le 14.00. Non penso di aver volato molto bene, in genere riesco a termicare sempre bene, ma quel giorno non sono riuscita a farlo molto bene. Solo tra le 10 e le 12 abbiamo avuto un po’ di cumuli, ma dopo Quixeramobim è tornato il cielo blu e l’intero volo si è svolto in condizioni di inversione termica che lo ha reso più turbolento. Abbiamo avuto parecchi salvataggi a bassa quota. E quando pensai che si stesse indebolendo (stavo addirittura pensando di rilasciare la zavorra) ho preso una termica da 8 m / s nel lato sottovento che abbiamo risalito come se fossimo fogli di carta. Anche la parte finale del volo è stata estremamente difficile, molto debole, blu, ed abbiamo dovuto fermarci a sfruttare tutte le bolle che abbiamo trovato lungo la strada.
È stato molto difficile mantenere la concentrazione dopo aver superato i 377 km del record mondiale femminile su distanza dichiarata. Ma ho saltato i festeggiamenti e mi sono concentrata sul mio sogno più grande. Ero a 10 km dalla registrazione ed a 1000 m da terra.

Teoricamente, sapevo già che sarebbe successo, ma c’erano così tanti “quasi” che ci credetti solo quando vidi il 403 apparire sullo schermo del GPS, in quel momento ho gridato per la felicità, è stata una sensazione unica, in tutta la mia vita non ho mai provato un’emozione così grande. Ma fino a quel momento, non ho nemmeno respirato, è per questo che non mi sono persa ogni minima possibilità di planata. Sono riuscita a prolungare la mia planata per oltre 7 km, per un totale di 410,72 km, decollando ad Assu nel Rio Grande do Norte, sorvolando tutto il “sertão” ed atterrando vicino a Tamboril in Ceará, in totale 9h48′ di volo e che volo!
Se fosse stato facile non sarebbe stato un record, ed averlo stabilito in una giornata brutta e difficile gli ha dato un sapore ancora migliore. Come ho detto l’anno scorso, non c’è comunione più grande con la natura che volare tutto il giorno. Senza motore, senza niente, solo tu, il tuo parapendio ed il vento.
Decollare con il sole sulla schiena e terminare il volo con una planata finale verso il miglior tramonto del mondo nel posto più bello. Non c’è più bella sensazione al mondo. È in quei momenti che acquisisci la certezza che valga la pena di tutta quella sofferenza. E con il brivido per aver battuto tre record mondiali. Di sicuro, è stato il miglior giorno della mia vita!
Il sogno di una vita “.
Marcella volava con il suo Enzo 3.

Per il tracklog click QUI

Congratulazioni Marcella per questo epico volo!
Ciao da tutto il Team OZONE.”

Photos Courtesy of Marcella Uchoa

Ozium 2 Safety Notice: 9 Ottobre 2018

Un problema riguardante il pod del paracadute di soccorso della Ozium 2 richiede l’intervento da parte di tutti i possessori della Ozium. Se avete un imbrago Ozium 2 vi invitiamo a prendere visione di  questa safety notice.