Loading Icon Black

500 KM ATTRAVERSO LA NORVEGIA CON ANTOINE GIRARD

settembre 27, 2020

Il Team Pilot Ozone, Antoine Girard, è appena tornato dalla sua ultima avventura in Norvegia: 500 km di volo bivacco su un territorio magnificente:

“La pandemia di Covid 19 ha cancellato tutti i piani di volo bivacco per quest’anno, ma dovremmo arrenderci? Ci sono molte cose fantastiche da fare vicino a casa. Così ci siamo orientati alla traversata della Norvegia. Circa 500 km in linea retta ma con un percorso di oltre 650 km. Con Julien Dusserre abbiamo aspettato che riaprissero le frontiere per saltare sul primo aereo. Sicuramente un po’ in ritardo per la stagione (1 agosto) ma non avevamo scelta.

Siamo nel nord Europa, ed il sole è debole come le termiche ed i voli sono molto lunghi, insomma: tutto il contrario della pioggia in campagna! Siamo partiti da Evje a nord di Kristiansand per raggiungere Trondeim a nord. Avevamo 15 giorni che rappresentano 33 km da percorrere al giorno sulla distanza lineare per arrivare a destinazione. Potrebbe non sembrare molto, ma con le condizioni di volo, il maltempo ecc. si tratta di una vera sfida! Lo sapevamo fin dal principio e per questo abbiamo stabilito di non farlo in modo puramente etico, vale a dire che non cammineremo troppo per strada se non si vola! Procederemo in autobus, autostop o altro per finire i 33 km giornalieri a meno che non si sia in anticipo sui tempi. D’altra parte, cercheremo di rimanere in completa autonomia per cibo e bivacchi, il ché ci impone di viaggiare con zaini da 30kg.

Abbiamo compiuto gran parte della traversata assieme a Johannes Helleland, un norvegese anche pilota di elicotteri, che conosce il suo paese alla perfezione! Alla fine ci ha fatto proprio da guida per i 10 giorni trascorsi insieme. Un aiuto molto prezioso, il suo. Abbiamo volato per 250 km e percorso 50 km a piedi che rappresentano quasi il 70% di progressione sulla distanza rettilinea senza mezzi a motore. I trasporti ci hanno principalmente permesso di trovarci già nel posto migliore per il giorno successivo. Nelle giornate volabili, abbiamo percorso dai 5 ai 65 km. Ogni volo di 30 km era un successo. E’ indispensabile essere pazienti e sfruttare anche le termiche più piccole ed il tempo utile per i voli non ha mai superato le tre ore! Abbiamo camminato per ore alla ricerca di decolli, su terreni intrisi di acqua e talvolta infestati da zanzare. Le giornate terminano intorno alle 23:00 e questo ci ha consentito di fare buoni progressi e ottimizzare il nostro cammino.

Le zone di decollo sono rare a causa delle infinite foreste e dei pendii spesso troppo dolci. I decolli sono spesso su una lastra di granito che impedisce la crescita della vegetazione. In sostanza: i decolli selvaggi sono tutt’altro che facili in Norvegia!

In compenso i paesaggi sono magnifici con laghi ovunque ed il pesce prospera! Non abbiamo dimenticato le nostre mini canne da pesca. così non è difficile essere autosufficienti con pesce e frutti di bosco per integrare i nostri pasti!”

Congratulazioni Antoine, e grazie per il report!
Foto Courtesy Antoine Girard e Julien Dusserre.